Il web minaccia la serendipità

[Articolo tratto da “La Lettura”]

Le inattese e piacevoli scoperte non vanno più lasciate al caso
Gli aiuti? Media tradizionali, istruzione e curiosità genuina 

Può capitare di trovare su una panchina un libro di uno scrittore sconosciuto, che diventa poi uno dei nostri preferiti; o di sbagliare strada e imbattersi in un delizioso ristorante che altrimenti non avremmo scoperto; oppure di star seduti su un aereo accanto a uno sconosciuto che ci inizia all’origami. Un termine derivato dall’inglese per designare queste piacevoli e inattese scoperte è «serendipità». Nelle discussioni su Internet degli ultimi anni, la serendipità, prima associata alla fortuna, è diventata qualcosa che non possiamo più permetterci di lasciare alla sorte. È abbastanza strano. È strano, perché se c’è una cosa che Internet sa fare bene è proprio portare a scoperte inattese e piacevoli, tanto che una delle critiche più comuni mosse alla rete è che distrae. Incontriamo link così attraenti che, come trote attirate da un’esca, clicchiamo. Poi un click tira l’altro, e  dimentichiamo perché ci eravamo connessi.
Ci siamo distratti, ma distrazione e serendipità sono la stessa cosa? Non è proprio così. Se le nostre casuali ricerche ci portano a scoperte poco interessanti, sono una distrazione. Se al contrario ci fanno trovare qualcosa che ci colpisce positivamente, si tratta di serendipità. La distinzione si basa su un giudizio di valore.
[…]
Le persone che vogliono ampliare la serendipità della rete hanno in mente una serie di valori particolari e devono confrontarsi con tre ostacoli strettamente interconnessi: la ricerca personalizzata, le notizie filtrate e le isole culturali.
La ricerca personalizzata ordina i risultati sulla scorta degli interessi manifestati nel corso della nostra precedente attività online. Le notizie filtrate ci mostrano solo gli argomenti che consideriamo importanti e sopprimono quelli per cui non abbiamo mostrato alcun interesse.
Le isole culturali non ci fanno conoscere i punti di vista di chi è diverso da noi.
Sono limitazioni che vanno senz’altro avversate. Una più ampia libertà di ricerca non è però di grande aiuto. Siamo infatti già a un clic di distanza da tutte le informazioni importanti e illuminanti del mondo, il problema è che non le clicchiamo. Offrire un maggior numero di link non è la soluzione. Sembra che lo sia solo perché chi propone di espandere la serendipità è già interessato ad allargare i propri orizzonti, a cliccare i link che gli altri di solito ignorano. Supponiamo, per fare un esempio, che alla gente venga offerto un enorme menù da cui scegliere i propri cibi, ma che la maggior parte delle persone continui a preferire i tre o quattro piatti che conosce. I buongustai che pensano sia importante assaggiare una vasta gamma di cibi vorranno che nel menù figurino sempre più piatti esotici. Ma questa è una soluzione che funziona solo per chi ama provare nuove ricette. È una soluzione solo per chi non ha il problema. I buongustai hanno ragione: bisogna incoraggiare la gente ad ampliare i suoi orizzonti. Il problema però non è la mancanza di link, ma la mancanza di interesse.
Il dizionario
Il termine «serendipità» è un neologismo che indica la sensazione che si prova quando si scopre una cosa non cercata e imprevista mentre se ne sta cercando un’altra. Il termine deriva da Serendip, antico nome persiano dello Sri Lanka.
L’espressione fu coniata dallo scrittore Horace Walpole.
[…]
Horace Walpole fu ispirato dalla lettura della fiaba persiana «The three princes of Serendip». Qui i tre protagonisti trovano sul loro cammino una serie di indizi, che li salvano in diverse circostanze.
La storia descrive le scoperte dei tre prìncipi come intuizioni dovute al caso, ma anche allo spirito acuto e alla loro capacità di osservazione
 di David Weinberger per “La Lettura” 
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...